America as seen by (some) italian singers:




Cielo grigio su (cielo grigio su)
foglie gialle giù (foglie gialle giù)
Cerco un po' di blu (cerco un po' di blu)
dove blu non c'è (dove blu non c'è)
Sento tanto freddo (freddo, tanto freddo, sai)
fuori e dentro me. (fuori e dentro me)
Ti sogno, California (sogno California)
e un giorno io verrò!

Entro in chiesa e là
io cerco di pregar:
ma il mio pensiero invece va (mio pensiero va)
ritorna sempre là (torna sempre là)
al sole caldo che vorrei (caldo sole che vorrei)
che qui non verrà mai (che qui non verrà mai)
Ti sogno, California (sogno California)
e un giorno io verrò!

Cielo grigio su (cielo grigio su)
Foglie gialle giù (foglie gialle giù)
Cerco un po' di blu (cerco un po' di blu)
dove blu non c'è (dove blu non c'è)
Se non m'aspettasse (se non m'aspettasse)
so che partirei. (so che partirei)
Ti sogno, California (sogno California)
e un giorno io verrò! (sogno California)
e un giorno io verrò! (sogno California)
e un giorno io verrò!

(Sognando la California --  Dik Dik)
(Italian translation of "California Dreaming")


In un'autostrada, forse in una stanza,
dietro mille finestre, noi guardavamo nella stessa direzione
e la storia si ferma quando i padri sono stanchi
l'odio ci passava sopra, ma non ci separava

E' la California, e' la liberta',
quanto fiato nella gola per rifare la realta'!
E' la California, e' va via di la'
verso cosa non sapevo, ma lo respiravo...
         ...sembrava cielo

Guardami ora e dimmi cosa vedi, non e' tutto passato,
ma il sogno che interrompi non sara' piu' uguale
quasi senza le stelle forse e' piu' bello navigare
non c'e' niente di perso e che non possa continuare

Siamo noi la California, siamo noi la liberta',
pugni chiusi nelle tasche, sangue, fragole e realta'!
Siamo noi la California, siamo noi la liberta',
siamo noi che lo guardiamo e ci sembra ancora...
         ...ancora cielo

(California -- Gianna Nannini)


...
E Colombo la chiama dalla sua portantina,
lei gli stringe le manette ai polsi, gli rimbocca le lenzuola.
"Per un triste Re cattolico" le dice " ho inventato un regno
e lui lo ha macellato su una croce di legno
e due errori ho commesso, due errori di saggezza,
abortire l'America e poi guardarla con dolcezza,
ma voi che siete uomini sotto il vento e le vele,
non regalate terre promesse a chi non le mantiene"
...

(Rimini --  Fabrizio De Andre')


Peperoncini rossi nel sole cocente, polvere sul viso e sul cappello,
io e Maddalena all'occidente abbiamo aperto i nostri occhi oltre il cancello.
...

(Avventura a Durango --  Fabrizio De Andre')
(Italian translation from a Bob Dylan's song)


...
L'America era allora, per me, i GI di Roosvelt, la quinta armata
L'America era Atlantide, l'America era il cuore, era il destino
L'America era Life, sorrisi e denti bianchi su patinata
L'America era il mondo sognante e misterioso di paperino
L'America era allora per me provincia dolce, mondo di pace
Perduto un paradiso, malinconia sottile, nevrosi lenta
...
Tornò come fan molti, due soldi e giovinezza ormai finita
L'America era un angolo, l'America era un'ombra, nebbia sottile
L'America era un'ernia, un gioco di quei tanti che fà la vita
E dire boss per capo, e ton per tonnellata, rifle per fucile.
...
E non capivo che quell'uomo era il mio volto, era il mio specchio
Finché non verrà il tempo in faccia a tutto il mondo per rincontrarlo
...

(Amerigo -- Francesco Guccini)


La strada dalla Pennsylvania Station sembrava attraversasse il continente
come se non tornasse più all'indietro ma andasse sempre avanti ad occidente,
fra tombe in ferro-vetro, pianura, pali e gente.
E indietro invece e in fretta ci tornai
...
E immagino tu e lui, due americani sicuri e sani, un poco alla John Wayne
portare avanti i miti kennedyani e far scuola agli indiani:
amore e ecologia lassù nel Maine.
E là insegnare alla povera gente per poco o niente, vita quasi pia,
fingendo, o non sapendo proprio niente di quello che può ancora far la CIA,
santi dell'occidente per gli USA, e così sia.
...

(100, Pennsylvania ave. -- Francesco Guccini)


Il cielo dell'America son mille cieli sopra a un continente;
il cielo della Florida è uno straccio che è bagnato di celeste,
ma il cielo là in prigione non è cielo: è un qualche cosa che riveste
il giorno e il giorno dopo e un altro ancora sempre dello stesso niente.
E fuori c'è una strada all'infinito, lunga come la speranza,
e attorno c'è un villaggio sfilacciato, motel, chiese, case, aiuole,
paludi dove un tempo ormai lontano dominava il Seminole,
ma attorno alla prigione c'è un deserto dove spesso il vento danza.
...
Già l'America è grandiosa ed è potente, tutto e niente, il bene e il male,
città coi grattacieli e con gli slum e nostalgia di un grande ieri,
tecnologia avanzata e all'orizzonte l'orizzonte dei pionieri,
ma a volte l'orizzonte ha solamente una prigione federale.
L'America è una statua che ti accoglie e simboleggia, bianca e pura,
la libertà e dall'alto fiera abbraccia tutta quanta la Nazione,
per Silvia questa statua simboleggia solamente la prigione
perchè di questa piccola italiana ora l'America ha paura.
...
Il cielo dell'America son mille cieli sopra a un continente
ma il cielo là rinchiusi è solo un dubbio o un'intuizione
...

(Canzone per Silvia Baraldini -- Francesco Guccini)

Mantained by: Leonardo Testi

Last update: 16 May 1997